Seguici su

Indietro Sposa Moderna Mostra lista rubriche

La collezione Aracne di Sabrina Persechino

Si chiama Aracne la nuova collezione primavera estate della stilista Sabrina  Persechino. 

La collezione prende il nome dalla dea Aracne, giovane tessitrice trasformata in ragno da Atena e quindi anche al Peplo, abito tipico delle regioni elleniche.
Proprio come un ragno, filatore virtuoso e abile trapezista che oscilla su un filo di seta, così, le stoffe tessono gli abiti della collezione  Primavera Estate 2016.

Ma non solo: la stilista, per la sua nuova collezione, ha preso ispirazione anche dall'architettura di Eric Owen  Moss. L'architetto mette in pratica quello che egli stesso definisce provocatoriamente la teoria dell'architettura di Penelope: come la fedele moglie di Odisseo, la quale disfaceva, durante la notte, il telo che aveva tessuto durante il giorno, così l'architetto, quando progetta, fa e disfa allo stesso tempo. La Persechino disfa gli abiti come Moss disfa gli edifici. Prospetti apparentemente vuoti, sventrati sulle sensuali schiene e sui decoltè profondi.

La volontà profonda  di mettersi sempre alla prova e la continua ricerca di contaminazioni portano Sabrina Persechino a sperimentare l'utilizzo  di nuove trame e orditi composti a volte di tagli apparentemente casuali, spesso di tagli paralleli come pettini di un telaio.

Tra i tessuti utilizzati per la collezione prevalgono le sete ordite a telaio oltre che duchesse, cady, e crepon. La cartella colori è influenzata dalle architetture a cui la collezione si ispira: bianco, nero, toni del colbalto. E un romantico rosa argenteo per il peplo della dea Aracne.

Foto: Massimo Danza


 

Lascia un commento

Esegui l'accesso o registrati per lasciare un commento.